La Cannabis terapeutica per il trattamento del dolore cronico

Secondo un recente studio dell’Università del Michigan, quasi 1/3 delle persone con dolore cronico sperimenta la Cannabis.

Lo studio rivela che quasi un terzo dei pazienti con dolore cronico usa la Cannabis per aiutare a gestire i propri sintomi.

Man mano che in America sempre più stati legalizzano la Cannabis per uso medico e ricreativo, un numero crescente di persone la sta sperimentando per alleviare il dolore.

 

 

La Cannabis come alternativa ai farmaci antidolorifici

 

Secondo un nuovo studio pubblicato su JAMA Network Open, quasi un terzo dei pazienti con dolore cronico ha riferito di utilizzare la Cannabis per gestirlo.

Più della metà dei 1.724 adulti intervistati ha dichiarato che l’uso di Cannabis li ha portati a ridurre il consumo di farmaci antidolorifici, inclusi oppioidi da prescrizione e analgesici da banco.

 

La Cannabis ha anche influenzato l’uso di altri metodi antidolorifici non correlati alla pianta a vari livelli: alcune persone hanno indicato che la Cannabis le ha portate a rivolgersi meno spesso a tecniche che molte linee guida cliniche raccomandano come terapie di prima linea, ad esempio la terapia fisica e la terapia cognitivo comportamentale, mentre altre persone con dolore cronico hanno aumentato il loro uso di tali trattamenti.

 

Il fatto che i pazienti riferiscano di sostituire la Cannabis con i farmaci antidolorifici evidenzia così chiaramente la necessità di ricerca sui benefici e sui rischi dell’uso della Cannabis per il dolore cronico, ha affermato Mark Bicket, M.D., Ph.D., Assistant Professor presso il Dipartimento di Anestesiologia e Co-direttore del Michigan Opioid Prescribing Engagement Network.

 

 

Uso di Cannabis ed altri trattamenti antidolorifici tra adulti con dolore cronico negli Stati Uniti, attraverso programmi di Cannabis terapeutica

 

La maggior parte degli stati negli USA ha emanato leggi che consentono alle persone di trattare il dolore cronico con la Cannabis. Le prove sono ancora contrastanti sul fatto che la Cannabis terapeutica serva come sostituto degli oppioidi prescritti o di altri trattamenti antidolorifici. Stime accurate del consumo di Cannabis o della sua sostituzione al posto dei trattamenti antidolorifici tra gli adulti con dolore cronico non oncologico non sono al momento disponibili.

 

 

Il metodo dello studio

 

In questo studio trasversale, è stato intervistato un campione rappresentativo di adulti di età pari o superiore a 18 anni con dolore cronico che vivevano nei 36 stati (e Washington, DC), coinvolti in programmi attivi di Cannabis terapeutica da marzo 2022 ad aprile 2022. Il sondaggio è stato condotto utilizzando il panel AmeriSpeak del National Opinion Research Center (NORC). Questo pannello basato sulla probabilità comprende circa 54.000 membri e proviene da un campione che copre il 96% delle famiglie statunitensi con un tasso di reclutamento del 34%.

Il dolore cronico non oncologico è stato definito utilizzando il criterio del National Health Interview Survey (NHIS) del dolore non correlato al cancro e presente nella maggior parte dei giorni o in ogni giorno negli ultimi 6 mesi.

Il sondaggio è stato condotto dal 3 marzo 2022 all’11 aprile 2022. Un sondaggio di screening ha consentito e identificato le persone con dolore cronico (tasso di risposta: 75,4%), che sono state invitate a completare il sondaggio completo.

Sono stati valutati l’uso auto-riferito (sempre, ultimi 12 mesi, ultimi 30 giorni) di Cannabis terapeutica, i trattamenti farmacologici (oppioidi da prescrizione, analgesici non oppioidi da prescrizione e analgesici da banco), i trattamenti non farmacologici comuni (terapia fisica, meditazione, terapia cognitiva, terapia comportamentale) e la sostituzione della Cannabis al posto di questi trattamenti per il dolore cronico.

Tutte le analisi hanno incorporato pesi di campionamento del sondaggio per generare stime rappresentative dei 36 stati inclusi e di Washington, D.C. L’indagine è stata approvata dal comitato di revisione istituzionale della Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health e ha seguito le linee guida STROBE per i rapporti per gli studi trasversali. L’analisi statistica è stata eseguita utilizzando il software statistico Stata versione 15 (StataCorp).

 

 

I risultati dello studio

 

Delle 1724 persone identificate come affette da dolore cronico, 1661 (96,3%) hanno completato il sondaggio.

Il 31,0% degli adulti con dolore cronico ha riferito di non aver mai usato Cannabis per gestire il proprio dolore. Il 25,9% ha riferito di aver usato Cannabis per gestire il proprio dolore cronico negli ultimi 12 mesi e il 23,2% ha riferito di aver usato Cannabis negli ultimi 30 giorni. La maggior parte delle persone che hanno riferito di usare Cannabis per gestire il dolore cronico hanno anche riferito di aver usato almeno 1 altro trattamento del dolore farmacologico o non farmacologico.

Più della metà degli adulti che hanno usato Cannabis per gestire il proprio dolore cronico ha riferito che l’uso di Cannabis li ha portati a diminuire l’uso di oppioidi soggetti a prescrizione, non oppioidi soggetti a prescrizione e farmaci antidolorifici da banco, e meno dell’1% ha riferito che con l’uso di Cannabis è aumentato il loro uso di questi farmaci.

 

Meno della metà degli intervistati ha riferito che l’uso di Cannabis ha cambiato il loro uso di trattamenti antidolorifici non farmacologici. Tra gli adulti con dolore cronico in questo studio, il 38,7% ha riferito che il loro uso di cannabis ha portato a un uso ridotto della terapia fisica (il 5,9% ha riferito che ha portato a un uso maggiore), il 19,1% ha riferito che ha portato a una pratica ridotta della meditazione (il 23,7% ha riferito che ha portato a un aumento della pratica) e il 26,0% ha riferito che ha portato a una diminuzione dell’uso della terapia cognitivo comportamentale (il 17,1% ha riferito che ha portato a un aumento dell’uso).

 

 

Conclusioni dello studio

 

Tra gli adulti con dolore cronico negli stati americani con leggi sulla Cannabis terapeutica, 3 persone su 10 hanno riferito di usare Cannabis per gestire il proprio dolore.

La maggior parte delle persone che hanno usato la Cannabis come trattamento per il dolore cronico hanno riferito di sostituire la Cannabis con altri farmaci antidolorifici, inclusi gli oppioidi da prescrizione.

L’elevato grado di sostituzione della Cannabis con trattamenti sia oppioidi che non oppioidi sottolinea l’importanza della ricerca per chiarire l’efficacia e le potenziali conseguenze avverse della Cannabis per il dolore cronico.

 

I risultati dello studio condotto suggeriscono che le leggi statali sulla Cannabis hanno consentito l’accesso alla pianta come trattamento analgesico nonostante le lacune di conoscenza nell’uso come trattamento medico per il dolore.

Le limitazioni includono la possibilità di campionamento e pregiudizi auto-segnalati, sebbene NORC AmeriSpeak utilizzi il reclutamento basato sulla probabilità delle migliori pratiche e cambiamenti nel trattamento del dolore da altri fattori (ad esempio riduzione forzata degli oppioidi).

 

 

Subscribe
Notificami
2 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments